venerdì, aprile 13, 2007

Guido Ristorante Pollenzo - BRA (CN)



Provato a Pranzo Venerdì 30 Marzo 2007

Si arriva con l'ausilio del fido navigatore sulla Piazza del Castello di Pollenzo, che dal 1997 è stato iscritto dall' UNESCO nella lista dei patrimoni dell'umanità.


Oggi sede dell' Università di Scienze Gastronomiche (www.unisg.it ) , della Banca del Vino
e del Ristorante "Guido". Al www.pollenzo.it trovate informazioni e maggiori approfondimenti inerenti storia ed iniziative.



Piero (in sala) e Ugo (Chef) Alciati figli del MITO Guido (Costigliole) con Savino (Chef) e Marcella Mongelli (in sala) in quel di Pollenzo gestiscono un locale importante ,raffinato , elegante , nel segno della continuità.
15.000 coperti anno gestiti con 4 persone in sala + extra e 8 in cucina su due linee indipendenti, un cucina davvero imponente e decisamente attrezzata.



Per le ALTRE guide, Michelin assegna una stella, Gambero Rosso concede il "visto" al Club Tre Forchette .. con 90 (Cucina 52) , Espresso 15,5/20.



Mise en place
Posateria Sambonet cristalli Spiegelau
Shonhuber Franchi Sushi collection fine bone china


Un foto della sala.

Menù

E' presente un percorso degustazione e di seguito trovate la carta completa, io mi farò guidare in un percorso personalizzato più ampio, guidato da Piero Alciati che ben conosce i miei gusti e segue da sempre via Blog le mie "scorribande" gastronomiche.

Il degustazione

"IL" vitello Tonnato
Capunet ovvero foglia di cavolo fritta con puree di verdure
Agnolotti al sugo d'arrosto
Stracotto di vitella della granda "al cucchiaio"
Dolce morbido al torrone d'Alba

euro 75

Antipasti

"Il " Vitello Tonnato 18€
Baccalà al vapore, zuppa di finocchi e ricotta Piemontese 20€
Capunet ovvero foglia di cavolo fritta con puree di verdure 14€
Lingua tiepida e verdure, "Bagnet" tradizionale 16€
La finanziera Piemontese 19€
Crudo di cattura marinato al sale grigio e agli agrumi 25€
Tortino di melanzane e gamberi rossi del tirreno 20€
Insalata tiepida dal mare, patata schiacciata e olio alle erbe 25€
Aragosta al vapore, riso selvaggio e pomodorini alla cipolla di Tropea 32€

Primi

Tortelli di mare, ragout di crostacei 20€
Maltagliati con calamari e carciofi 20€
Astice di Bretagna e linguine di grano duro 30€
Zuppa di grissini , uovo morbido e gallina bianca di Saluzzo 15€
Agnolotti al sugo d'arrosto 18€
Risotto carnaroli con anguilla e limoni caramellati 16€

Secondi

Scampi, gamberi & Co. in doratura di semola al rosmarino 36€
Piccola grigliata di crostacei all'alloro 36€
Cappesante arrostite con foie gras e vellutata di broccoli 30€
San Pietro con carciofi e passata di topinambur 28€
Capretto di Roccaverano al forno con olio e rosmarino 23€
Coniglio grigio di Carmagnola arrosto con nocciole 25€
Stracotto di vitella della granda "al cucchiaio" 25€

Formaggi

Selezione del Piemonte composte di Frutta

Dolci

Granita al caffè con panna liquida 8€
Dolce morbido al torrone D'Alba 11€
Pera Madernassa al cioccolato con latte di mandorle 11€
Sformato caldo di pistacchi e caramello alle spezie 12€
MA 'KE. Kous 11€

Bar

Caffè Mokabar 2€

Acqua Minerale Lurisia in caraffa (litro) 2€

Materie prime alimentari trattate e conservate nel rispetto delle norme HACCP.

Carta dei vini;
Decisamente ampia e ben organizzata, con ricarichi più che onesti.
(18/20)


Un altro scorcio della fantastica sala.

Abbinamento Vini; (scelgo di farmi accompagnare al bicchiere)


Come saluto di benvenuto "Rosa Vittoria" un rosato fatto con Nebbiolo e Arneis a tutto territorio.
Leggero , semplice , gradevole.


Pane
Grissini fantastici, uno tira l'altro ,ottima anche la focaccia.

Si parte!


Bocconcino di Pescatrice e muscoli al vapore con una salsa di olive verdi e pinoli.
Una partenza concreta (+)

Tartare di tonno
Ottima materia prima , si nota subito grande classe ed eleganza nell'impiattare.
(16/20)

Anjou Blanc 2001 Chateau Pierre-Bise
Bassa Loira, mielato, pieno, complesso. Decisamente intrigante!

Gamberi rossi del tirreno scottati al vapore
..adagiati su un tortino di melanzane prima tagliate sottili , spadellate con un pomodorino fresco e olio con una punta del ristretto della testa dei gamberi che si ritrova come "segnale" anche sul piatto. Ottimo abbinamento, grande assemblaggio.
(16,5/20)

Giarone A. Bertelli S.Carlo di Costigliole - Chardonnay 2003
Piccola produzione per un vino di grandissimo spessore.

Cappesante abbinate alla loro trippa con scampetto.
Gustoso e gradevole al palato
Pescatrice, Tonno, Gamberi, Cappesante , "Scampetto" un inizio a tutto mare..
(16/20)


La Finanziera Piemontese
Cotta scomposta per non miscelare troppo, considerato che le cotture (cervella, etc) sono diverse. Ricetta talebana della nonna, il gusto della storia e della tradizione anche nella presentazione che rimane coerentemente semplice e spartana.
(17/20)


Val d'Iris Parcelle K246 2003
Un Syrah piacevole. Un erbaceo fresco, pulito.


Risotto mantecato alla Monferrina con anguilla e limoni di Amalfi caramellati
Che grande risotto!
(17,5/20)

Agnolotti... dalla scuola di Mamma Lidia , serviti come da tradizione nel tovagliolo (alla domenica usciti dalla messa sul sagrato della chiesa venivano consumati con le mani).
Mangiateli anche voi con le mani... emozione! (+++)
(17,5/20)

Barolo Bruno Giacosa 1985
Emozione! Una beva fantastica, ti faresti due bottiglie da solo quanto è piacevole e stimolante.


Capretto di Roccaverano al forno con olio e rosmarino
Gusto nostrano!
(16,5/20)

Lingua con bagnetto rustico tagliata spessa cotta al vapore.
Altro piatto di grande tradizione...
(16/20)


Semifreddo di zenzero
(+)

Solaria Jonica 1959
Primitivo di Manduria D.O.C. Antonio Ferrari
Galliate
Che grande prodotto! E noi che andiamo sempre su Porto e Sherry...

Sformato caldo ai pistacchi
Gradevole e ben eseguito.
(16/20)

Coccole finali! (+)

Il Conto;

Ci si diverte a partire da 75€ , per il mio percorso mettete a budget almeno 150€


Note Positive;
Solarità, armonia e serenità ! Una squadra di professionisti di grande spessore , un grande gruppo dove ognuno gioca nel suo ruolo con grande rispetto di quello degli altri.
La musica di sottofondo "Lounge" davvero moderna , sofisticata, più che adeguata.


Una foto dello spazio fronte sala.

Note Negative; Dettagli
Nulla da segnalare.


In foto sotto la mano di Lidia, mamma di Ugo e Piero .
Da sinistra Marcella Mongelli , Ugo alciati, VG, Piero Alciati.

Conclusioni;
Un modello, un vero esempio di come deve essere un GRANDE Ristorante, per una cucina di Mare e Territorio nel segno della continuità e dell'equilibrio, in grado di soddisfare i palati più vari ed esigenti.

Altissimo Ceto per le famiglie Alciati e Mongelli!





GUIDO Ristorante
Via Fossano, 19
Pollenzo - Bra (CN)
Tel. 0172.458422
www.guidoristorante.it

Chiuso Domenica e Lunedì

Etichette: , , , ,

9 Commenti:

At 10:09 AM, Anonymous Anonimo said...

Complimenti per il reportage.
Però ammazza quanto magni, tra un po' nelle foto non ci sarà più spazio per gli altri.

Ciao

 
At 10:13 AM, Blogger Man-Woman said...

A volte ci sono piatti che solo a guardarli sei gia' matematicamente sicuro che che ti piaceranno - per me quelli presentati qui rientrano nella categoria.

Un plauso a questi ristoratori che mantengono viva la piu' pura tradizione della cucina italiana, con piatti allo stesso tempo belli e concreti, senza inutili orpelli (io avrei addirittura fatto a meno di qualche guarnizione con la tartare di tonno e con i gamberi, ma ammetto di essere veramente talibano).

 
At 11:54 AM, Anonymous maurizio medaglia said...

Alciati,Alaimo,Colombani,Paracucchi,Iaccarino:questi i principali nomi che hanno fatto la grande 'Cucina Italiana Unita' del secondo '900 sotto agli occhi del mondo intero!!! Mai abbastanza ricordati(se non da pochi,quali il sempre verde Gualtiero Marchesi...).A Pollenzo c'è ancora un pò di questa storia tutta da raccontare!

 
At 12:24 PM, Anonymous Anonimo said...

Touché! Bravo Maurizio Medaglia, quoto...hai colto nel segno. Mai abbastanza ricordati, comunque sempre grandi!
Massimo Sola

 
At 10:34 AM, Blogger MAX61° said...

Condivido quanto detto da Medaglia.
Aggiungo che ho un ricordo (1988) molto positivo di Guido Alciati. Quando telefonai per prenotare mi venne chiesto se fossi già stato loro ospite e quali piatti avessi degustato. Questa è sempre stata una particolarità di "GUIDO" come mi venne confermato di persona dal figlio. Ricordo che visitai l'imponente cantina e cominciai a scoprire i vari moscati nobili ed altri vini di produttori locali. Rivetti, Gastaldi per il moriolo. Un'altra epoca.
Ciao a tutti
LA MAX61°

 
At 12:21 PM, Blogger JAJO said...

La mia invidia ha oltrepassato la Fascia di Orione...... :-D

Il solito meraviglioso reportage :-D

 
At 2:24 PM, Anonymous maurizio medaglia said...

Carissimo "viaggiatore g",anzi,dato il contenuto della presente,caro Claudio Sacco:sono felice che il Suo blog abbia trovato spazio sul "D" del 14 aprile u.s.,il supplemento de "la Repubblica"(Chiara Dino,"Vai a cena con i food blogger",pp.176-177),insieme alla partecipe testimonianza del mio conterraneo Massimo Sola(ottimo chef-patron dei "Quattro mori"),poiché è uno spazio di dialogo che seguo fin dal principio e al quale partecipo da tempo con piacere e con l'attenzione dovuta ad un 'modus operandi' che in questo ambito farà e sta già facendo tendenza (con rif. all'ultima "Guida Michelin per
N.Y.C."...);complimenti,dunque,e buon lavoro per la carica dei 250 da mettere su carta !

 
At 6:39 PM, Anonymous rena said...

Ragazzi, mi sembrate matti... 18 euro per 6 (dico 6!) ravioli?? qualsiasi cuoca di langa (lo dico da albese purosangue) per 4 euro vi riempe il piatto che non riuscite a finirlo e sono senz'altro più buoni o quantomeno uguali. Ed in più non contengono tracce di detersivi del tovagliolo......

 
At 10:47 PM, Anonymous Anonimo said...

COMPLIMENTI X IL RISTORANTE SN UN AMIKA DI ANDREA CAVALLO IL MITIKO CUOCO 6 UN GRANDE X ESSERE ARRIVATO FINO A LI

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Sponsored by; (Gold Sponsor)
Sponsored by; (Silver Sponsor)