giovedì, ottobre 26, 2006

Ristorante Piccolo Lago - Mergozzo (VB)




Provato a Pranzo Sabato 14 Ottobre 2006

Eccoci di ritorno in uno dei locali tra i miei preferiti.
Qui si riscontra con continuità assoluta una cucina classica di grande tradizione con la mano "sapiente" dello Chef Marco Sacco oltre che legata al vicino territorio delle Alpi e Valli ossolane. Un servizio ineccepibile ed una cantina davvero fornita, "governati" come in pochi altri locali da Carlo Sacco.

Un locale che al momento Michelin premia "solo" con una stella, per quanto riguarda le altre guide "principali" , la edizione 2007 di Espresso premia il ristorante con un "conservativo" seppur in crescita 15,5/20 (15 nel 2006) il Gambero Rosso 88 cucina a 51 (invariato 2006) a un passo dalle Tre Forchette.

Aggiornamento!! L'edizione 2007 di Michelin premia il locale con DUE Stelle!
Cogratulazioni!




Uno "scorcio" della sala con il camino acceso.


Per un approfondimento al locale ed alcuni passaggi che non riporterò, vi invito a "consultare" anche la mia precedente Recensione del 24 Giugno 2006, dove troverete altresì fotografie di altri piatti in carta decisamente interessanti e stimolanti.





Mise en place
Di grande "tono" come la sala con il camino centrale, davvero fantastica e coinvolgente.


Menù
Disponibili due menù degustazione , più un ampia carta.


Carta dei vini;
Importante (nazionale ed internazionale)
(17,5/20)
Con bottiglie anche di vecchi "millesimi"
E presente anche una carta "selezione" di Birre dai migliori microbirrifici italiani.


Abbinamento Vini; (scelgo al bicchiere)
Per ogni piatto di seguito vi illustrerò l' abbinamento con il relativo vino.



Selezione di Pane , focacce e grissini serviti su beola calda.

Si parte!


Burro fantastico! Dell'alpe Cravariola, con schiacciatina prosciutto crudo stagionato 18 mesi della Val Vigezzo.



Entree
Polpettina dolce con verdure croccanti, polenta con lumaca all'aglio e prezzemolo
Un inizio importante , subito a "registrare" il palato.
(17/20)

Champagne Brut Banc de Blanc "Philippe Gonet"


Flan di Bettelmatt , leggera mostarda di pere , salsa di mirtilli di montagna speziati.
(18/20)
Grande piatto , ottimi accostamenti e grande uso di cucchiaio in chiusura sulla salsa.

Collio Pinot Grigio 2003 "Ca Ronesca"


Torrone di fegato d'anatra marinato al vino porto e armagnac in variazione di mela, cialda di polenta gialla

Un piatto elegante molto curato nella presentazione e decisamente "ludico" ed intrigante al palato.
(17,5/20)

Gewurztraminer Grand Cru Furstentum
Vielles Vignes 2003 "Albert Mann"


Carbonara "au koque"

L'uovo viene servito a "margine" in un "classico" porta uovo molto carino, ma per consentirvi una "vista" complessiva in foto , ho appoggiato l'uovo sugli ingredienti nel piatto, uovo che lo stesso cliente rovescia nel piatto "amalgamando" la propria Carbonara.

Un piatto "semplice" ma che non si dimentica. Non ricordo altre "carbonare" equivalenti, eppure su Roma ci passo Spesso...
(19/20) Unico nel suo genere, siamo a "fondo scala".


Barbera d'Asti Cà di Pian 2003 "La Spinetta"


"Acquerello" , carnaroli invecchiato tre anni, zafferano, polenta bruciata , profumi di bosco (mirtilli sottograppa e funghi di stagione saltati in padella).

Che fantastico risotto, perfetto e di gran gusto!



(18/20)

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Podium 2004 "Garofoli"


Fonduta di Bettelmatt novello, cipollone cotto al sale e croccante di amaretto
(17/20)
Altro piatto di gran gusto per appagamento "ludico" al palato.

Carmenero 2000 "Ca' del Bosco"


Maialino da latte in doppia cottura , spuma di patata (purea senza latticini) e salsa alla birra. Con un raviolo di castagne cotto nel lardo.
Piatto di grande tecnica, preparato in delta "5" di temperatura da "ambiente" fino a 80 gradi al "cuore" prodotto
(18,5/20)
La foto non rende merito alla consistenza (sembra un Tonno) , alle temperature, al grande gusto!

La Purea viene fatta con patate bollite frullate nel TermoMix mantecate nell'olio, ogni 500 grammi di patate , 180 grammi di olio extravergine (purea senza latticini ne burro ne latte)

Birra Noel "Il Baladin"



Un selezione di formaggi da due fantastici carrelli e relativo pane abbinato.


Hy Beer "Zago"


Selezione di micro desserts.
Per una chiusura in bellezza!


Moscato D'Asti Bricco Quaglia 2005 "La Spinetta"

Caffè e Piccola Pasticceria.


Ed in "chiusura" con un ottimo Gin Tanqueray Riserva e Tonica , delle ottime Castagne!


Il Conto;

Degustazione Cibo e Vino.

Totale 120€



Note Positive;
Per il livello del locale (cucina, servizio, governo)
un ottimo rapporto qualità prezzo, per una cena o un pranzo che difficilmente verranno dimenticati.


Note Negative; Dettagli
Niente da segnalare in questa visita.



Conclusioni;
Sicuramente si è trattata di una delle esperienze più interessanti e complete,
siamo al Top come cucina e servizio, il "modello" di locale che preferisco, tutto è studiato tutto è ricercato (ogni dettaglio) il cliente si sente coccolato / considerato al centro dell'attenzione , è in un posto come questo che si esce assaporando un momento unico... da Altissimo ceto! ;-)




Altissimo Ceto! Per Marco e Carlo.

Vi segnalo altresì che Marco e Carlo (che ringrazio per la disponibilità) sono aperti al confronto Online con Clienti e appassionati attraverso un Canale dedicato, presso i nostri FORUM "Tecnici" , QUI trovate il LINK.


Ristorante Piccolo Lago http://www.piccololago.it

Via Filippo Turati N° 87
28924 Verbania Fondotoce
Lago di Mergozzo
Tel.+39 0323 586792
Fax +39 0323 586791

10 Commenti:

At 8:28 AM, Blogger velavale said...

che meraviglia!!
ma cosa è quella cosa abbinata al 1° formaggio sulla sinistra!!

 
At 10:36 AM, Anonymous Anonimo said...

bella recensione...

mi hai fatto venire voglia di tornare a fargli visita...peccato per la distanza


filo

 
At 9:08 AM, Blogger danielad said...

Mi puoi descrivere i dolci?

grazie

 
At 2:00 PM, Anonymous Anonimo said...

Sono stato al Piccolo Lago 2 settimane fa.
Non posso che confermare quanto di buono detto da VG su cucina e
servizio.
Non sono però d'accordo sul rapporto qualità prezzo.

Probabilmente dato che VG è un "parente lontano", è stato trattato un
po' meglio che un cliente "qualsiasi".

Per esempio, dopo un pranzo da oltre 130 euro, il gin-tonic finale - senza le castagne ;) - l'ho pagato 15 euro...
Ma la cosa che mi ha sorpreso di più è stata l'aumento dei menu degustazione. Si è passati da 60, 80 e 100 euro a 80, 90 e 130 euro, senza che sia cambiato il no. di portate, alemeno per i primi due menu. Sul terzo non posso confermare.

Alla luce di queste "novità" il rapporto qualità/prezzo mi sembra
adeguato, non di più.
Per restare in zona, un esempio di buon rapporto qualità prezzo
potrebbe essere Villa Crespi (menu degustazione di 10 portate a 90
euro).

Ad ogni modo, a parte la sorpresa sui prezzi, grande espererienza.

Saluti,
Paolo

 
At 9:18 AM, Blogger ViaggiatoreGourmet said...

Per velavale e daniela,
Ho girato per voi le domande a Marco e Carlo sul forum (http://forum.altissimoceto.it) anche per "spingerli" ;-) ad intervenire..
Per Paolo,
La parentela.. considerato che non ci vedevamo da quasi 20 anni non mi influenza nel giudizio, sul trattamento inteso come "conto" oggettivamente dopo 4 visite (da Giugno) , con il cliente "abituale" non necessariamente la vita mi ha insegnato.. con il parente o l'amico.. ci "scappa" spesso qualche bonus offerto. ;-)
Pure da Tonino i miei conti mediamente si stanno abbassando.. pur se mi "magno" due Fuori Pista al posto di uno.. ;-))

 
At 2:46 PM, Anonymous Tommaso Farina said...

Il burro della Cravariola e quello dell'Alpe Veglia sono i più buoni del mondo.

 
At 11:18 AM, Anonymous Anonimo said...

Complimenti per il bis... Ma è davvero da due stelle ?

 
At 10:27 AM, Anonymous Anonimo said...

ho avuto pure io il piacere di pranzare in questo ristorante.
il servizio è eccellente e i dessert super!
i prezzi dei menù:
70 euro quello della tradizione (3 portate + dessert e dolce)
90 euro quello di pesce
130 euro quello degustazione.
in questa stagione c'è anche quello da 160 euro ..con degustazione tartufo

 
At 10:40 AM, Anonymous Anonimo said...

depuis l'ouverture je viens une fois par an dans ce lieu de pur plaisir.Effectivement les prix ont augmentés mais corresponde à ce genre d'endroit.J'espere dans la semaine de Paques renouveller mon pélérinage gastromonique j'écomonise pour cela ma retraite étant moyenne mais quel plaisir!!!!

 
At 9:35 PM, Anonymous Anonimo said...

Sono stata oggi a pranzo per la 1a volta al Piccolo Lago, devo dire che il posto è molto bello il sevizio eccellente.
Purtroppo ho riscontrato che il rapporto qualità/prezzo è alto, sopratutto per la carta dei vini.

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Sponsored by; (Gold Sponsor)
Sponsored by; (Silver Sponsor)